sabato 31 maggio 2014

Tag: The lip product addict.

Seguendo la moda del momento anche io rispondo al Tag ideato da Amelia Liana ed Essie Button (nessuno mi ha taggato ma chissene!).Per saperne di più cliccate qui.

Il tag consiste in 8 domande inerenti ai Lip product e per chi è amante dei rossetti, può essere un ottimo spunto di dibattito e soprattutto un modo per condividere esperienze.Cominciamo!

Favourite balm/treatment
Prodotto preferito per la cura delle labbra.


L'immagine è presa dal web in quanto il mio, dopo averne prelevato tutti i residui intrappolati nel tubetto, è definitivamente finito  :(

Il mio prodotto preferito per la cura delle labbra è molto banalmente il burrocacao. Non ne amo uno in particolare, tuttavia posso dire che tra i migliori che ho provato vi è senza dubbio quello Viviverde Coop. È molto idratante e molto corposo e attualmente il mio è molto FINITO! Non so come farò a sopravvivere dato che nei dintorni non ho la Coop! 
Me tapina...

Best eye catching red
Miglior rosso acchiappasguardi.


Questa è davvero difficile. Essendo abituata a nascondermi nell'ombra (non ve l' ho mai detto ma io sono Batman!) è difficile che indossi un colore appariscente per il gusto di essere notata. Se indosso un colore eccentrico è perché magari quel giorno mi sento positiva. Fatto sta che il rosso che posseggo che, senza ombra di dubbio, non passa inosservato è il Ruby Woo. Il colore è superbo, brilla di luce propria, l' effetto vellutato che dona alle labbra è meraviglioso ma è secchissimo. Sfatiamo un mito però: non resiste alla bomba atomica, dopo un pasto non ve ne rimane traccia.

Best luxury and best drugstore
Migliore rossetto di brand di lusso/high end e miglior economico.




Best luxury ahahaha! E chi ha mai provato un rossetto di un marchio famoso? Probabilmente il giorno della laurea (un giorno molto molto molto lontano da quello odierno) mi regalerò uno di quelli Chanel e sarà l'unico in tutta la mia vita a meno che non diventerò una ricca nababba (cosa che vedo improbabile).

Quanto al miglior economico ve ne cito un paio dei miei preferiti: il numero 17 di Rimmel by Kate Moss, un bel rosa lucido e "Mauve outta here" di Wet n Wild, rosa malva molto pimentato e dal finish matte.

Vi consiglio di dare un' occhiata a tutta la gamma dei rossetti Rimmel by Kate Moss e anche a quella di Wet n Wild (di cui vi ho parlato qui).



Best MAC lipstick
Miglior rossetto Mac cosmetics.


Prima di questo inverno non avevo mai visto da vicino un rossetto Mac. Ora me ne ritrovo ben quattro! (Due son regali xD).
Quelli che posseggo mi piacciono tutti tuttavia il mio preferito in assoluto è Please Me, un rosa matte molto naturale che trovo perfetto per la quotidianità infatti rientra tra i rossetti che utilizzo più spesso per l' università proprio perché non appariscente e adatto ad un contesto scolastico.


The most disappointing
Il più deludente.


Anche questa risposta sarà difficile. Molti rossetti li ho acquistati impulsivamente quindi, per un motivo o per l'altro, mi hanno deluso. Forse quello che mi ha deluso di più è stato "Fearless" di e.l.f.
Si sa che e.l.f. è un marchio low cost, di conseguenza non ci si può aspettare chissà quale resa tuttavia gli altri rossetti della stessa linea mi son piaciuti e anche parecchio.
"Fearless" ha una consistenza eccessivamente cremosa che non è minimamente contemplabile per un rossetto rosso: nessuna ragazza desidera ritrovarsi conciata come Joker!
Quindi no, no e ancora NO!

Best Gloss

Miglior lucidalabbra.



Partiamo dal presupposto che odio i gloss quindi ne ho davvero pochissimi. Di quelli che posseggo i migliori sono sicuramente quelli che mi son stati regalati da Sephora per il compleanno in quanto posseggo la carta Black. Hanno una buona resa e non sono collosi come molti gloss.
Non ho cambiato idea in merito ai gloss però...

Liner - yes or no?
Matita labbra...si o no?



Quando acquisto una matita labbra lo faccio principalmente perché ne gradisco il colore e di conseguenza il più delle volte le utilizzo al posto del rossetto. Devo dire però che ci son casi che necessitano assolutamente l'utilizzo della matita come base per il rossetto ovvero quando si f ricorso a colori appariscenti o molto scuri.
In questi casi mi piace che le labbra siano definite e che il rossetto duri più a lungo.
Tra le mie preferite vi sono quelle di Kiko e quelle di essence.

Something extra.



Guardando le varie risposte al tag ho notate che a questa domanda la maggior parte delle blogger ha risposto con qualcosa che ama. Io ho deciso di andare controcorrente e di indicarvi due prodotti ai quali non dovete assolutamente, per nessuna ragione al mondo, accostarvi.

Il primo prodotto sono i Lip Stain 16h di NYC: applicare queste tinte è come tingersi le labbra con un pennarello Giotto! È pieno zeppo di alcol il cui odore è "nascosto" (o almeno ci hanno provato) da un profumo più dolciastro disgustoso. Una volta applicata la tinta, l'alcol evapora lasciando solo il colore pertanto l' effetto è matte ma risulta essere molto ma molto secco. 
La tinta non si distribuisce uniformemente sulle labbra e altro problema è che il pennarello stesso tende a seccarsi molto presto dal momento dell' apertura.
Pregio: dura tantissimo!

L'altro prodotto è la Pencil lip gloss di Kiko. Non voglio criticare il prodotto in se che non è malvagio bensì le colorazioni più chiare (07-08-09): sono terribili!!!
Donano un effetto cadavere inquietante! Troppo chiare e innaturali inoltre non si uniformano con le labbra, rimanendo superficiali. Un orrore insomma.
Purtroppo non posso sovrapporle ad altri rossetti perché pigmentate quindi sembra quasi che ti sia spalmata la crema solare sul rossetto...

That's all. Se vi va rispondete al Tag!

venerdì 30 maggio 2014

#4weekschallenge. Risultati prima settimana.

Da quando mi son accordata con Fabiola di Fabi Make Up per questa collaborazione ero certo che non sarei riuscita a dare il massimo.

Portare a termine un obiettivo quale lo smaltimento di cosmetici accumulati a causa di acquisti sconsiderati, risulta decisamente complicato quando il soggetto (ovvero la sottoscritta) non si trucca quotidianamente.

Per l' università preferisco rimanere molto naturale: giusto un po' di mascara e, quando le occhiaie son proprio brutte, il correttore; ogni tanto mi butto sulla bb cream mentre in inverno uso frequentemente il fondotinta. Qualche volta mi è capitato addirittura di indossare un rossetto!!!

Gli altri giorni della settimana li trascorro a casa principalmente e quindi non vedo perché debba truccarmi!

Insomma il mio tempo lo trascorro soprattutto struccata (e non è un bello spettacolo...)

In sostanza questa settimana, i prodotti che ho mostrato i pagina li ho usati poco e niente.



Per quanto riguarda la Bb Cream di Garnier, la acquistai in seguito ad un campioncino ricevuto tramite posta (si richiedeva sulla pagina fb di Garnier a cui vi consiglio di dare un' occhiata perché spesso questo marchio propone queste iniziative).
L' ho trovata molto confortevole: presenta una texture leggera che uniforma bene l'incarnato (no ho molte discromie ma ho alcuni rossori nella zona del naso e questa bb cream me li copre adeguatamente) e rende l' incarnato luminoso se non lucido (ho applicato una cipria per opacizzare perché non mi piaceva l' effetto). La sola applicazione di questa bb cream però non è sufficiente a coprire eventuali imperfezioni: si necessita comunque di un correttore.
La durata non è eccelsa infatti dopo 3-4 ore cominciano a riemergere i famosi rossori e da ciò deduco che la bb cream si sta lentamente volatilizzando.
Una delle volte che l' ho utilizzata, dopo un 2-3 ore che la indossavo ho notato come una sorta di irritazione sul viso, quasi come se si stessero formando dei brufoletti (che ringraziando il cielo non son nati) e quindi mi son subito struccata. Ora può essere che la mia pelle in quel momento fosse particolarmente stressata, ma di certo una colpa lo avrà anche l' Inci non proprio verde (come possiamo veder dall' analisi effettuata da Polvere di Stelle).
In sostanza per me questa Bb cream è un ni: l' ho acquistata e la uso ma se dovessi incappare in una completamente Bio o con un buon inci, la preferirei sicuramente rispetto a questa.

Il secondo prodotto da me scelto è il Silky Touch Blush di essence nella colorazione n°10, Adorable, un bel rosa naturale.
Il blush ha una buona stesura, si dosa benissimo ed è molto naturale. Per chi come me non è abituato a vedersi con le gote rosse tipo Heidi, questo blush è perfetto  lo consiglio anche a chi è agli inizi della propria avventura truccosa. Ha un' unica pecca: ha una pessima durata! Una ragazza in pagina mi aveva già avvisato di questa situazione ed ho constato che è effettivamente vero. Sta su 2-3 ore ma non di più.

Swatches!


Il terzo prodotto da me utilizzato è l' eyeliner vecchia edizione di Kiko n° 03, una sorta di verde acqua scuro (siii inventiamoci i colori!) molto brillante.
Ha una buona stesura (sicuramente migliore di quelli con la nuova formulazione) ed è waterproof infatti si rimuove solo con lo stuccante bifasico. Dura una giornata intera senza problemi, non si sbriciola e non cola se bagnato (è waterproof per davvero!). Ma cavolo ha un applicatore del cavolo!!! (si tanti cavoli...)
È troppo corto e il pennellino ha le setole troppo lunghe! Non vi dico i disastri che creo quando devo applicare: pensate che me lo son ritrovato sulla fronte e sotto al mento! Ah si e poi le mani erano completamente verdi...
Lo ammetto, sono un' imbranata con l' eyeliner e, dato che non ci vedo perché sono miope, la cosa è incrementata ma con gli altri eyeliner non mi succede tutto questo!
Ciò non toglie che si tratta di un ottimo prodotto e se eventualmente lo ritrovate ancora da qualche parte in vendita (tipo un outlet Kiko perché so che esistono) buttateci un occhio.

Abbiamo infine il matitone Astra. Questa settimana non l'ho usato,è vero, ma mi è capitato di usarlo altre volte e ne ho quindi un opinione in merito. Ho acquistato i matitoni Astra (questa considerazione si estende a tutti quelli che possiedo) affinché potessi usarli come base per gli ombretti in polvere o anche per utilizzarli da soli per un makeup veloce. Non sono validi né per l' uno né per l' altro utilizzo.
Se applicati da soli, non si fissano bene alla palpebra e conservano la loro consistenza cremosa facendo si che il prodotto vada dappertutto; se applicati con sopra un ombretto in polvere la durata aumenta lievemente ma dopo non molto il prodotto finisce nelle pieghette dell' occhio. Insomma no, no, NO!
Costeranno anche pochissimo ma non ne vale la pena.

Swatches!

Al prossimo appuntamento!


mercoledì 14 maggio 2014

TAG "Sei settimane, signor Rossetto" S2/G4

Settimana 2, Giorno 4

La famiglia marrone!

Come già detto in precedenza, non so distinguere i colori dei rossetti. Mi son trovata molto in difficoltà nel separare i nude dal sottotono beige dai marroni e tuttora non son convinta della divisione.

Quasi sicuramente non condividerete la mia decisione di mettere nei marroni determinati rossetti ma semplicemente perché ho collocato nei marroni i rossetti che su di me fanno schifo (tutti i rossetti che secondo me non mi stanno bene son marroni! xD).

Cominciamo quindi col mostrarvi i rossetti che posseggo.



Come potete vedere ne son solo tre: è vero che son recidiva ma se un colore non mi sta bene, è difficile che continui a comprarlo!

In ogni caso si tratta di un rossetto e due matite labbra (in ordine):
Smart Lipstick n° 909 di Kiko
Smart lip pencil n°712 di Kiko
Vino di Neve Cosmetics

Sia il rossetto di Kiko che la matita Vino di Neve sono tendenti al borgogna pertanto sono assimilabili ad un rosso con sottotono marrone mentre la smart lip pencil di Kiko è un nude pigmentato che ha comunque una base marrone.





Non mi piacciono ma nonostante ciò nel prossimo post vi indicherò il preferito tra i tre. Sono aperte le scommesse!

martedì 13 maggio 2014

TAG "Sei settimane, signor Rossetto" S2/G3

Settimana 2, Giorno 3

Il mio MLBB!

Traduco il titolo, per chi non sapesse cosa sia un MLBB (anche io non avevo idea di cosa fosse prima di questo tag): Il mio My Lips But Better! Ovvero quel rossetto che non è un nude ma è quel colore che rispecchia e perfeziona,se vogliamo, il colore naturale delle nostre labbra.
Non sarà quindi un colore smorto o "invisibile" ma neanche appariscente: è quel colore che su di noi appare naturale e non forzato.

Tra i rossetti che secondo me rispecchiano questa definizione, vi è in assoluto la matita labbra Amore di Neve Cosmetics che entrata a far parte della mia famiglia makeupposa di recente (qui potete leggere riguardo al suo arrivo).

È un colore molto particolare che sulle diverse carnagioni assume toni decisamente differenti. In molte l' hanno criticata invece io l' adoro!

Appare come un rosso non troppo acceso che illumina il viso ma non enfatizza esageratamente le labbra.
È una matita vegana e non testata sugli animali, secca un po' le labbra ma non così tanto da evidenziare le pellicine(almeno nel mio caso). Dura abbastanza (non vi so dare una stima precisa in quanto tendo a mangiucchiare le labbra e quindi il rossetto va via).

In conclusione lo adoro e lo trovo perfetto per me!

Foto del cavolo, lo so -.-"  Comunque a sinistra son le labbra truccate con Amore, a destra nel loro colore naturale.


Al prossimo appuntamento!